Comune di Refrontolo

Fornitura dei libri di testo per gli alunni residenti a Refrontolo che frequenteranno la Scuola Primaria nell’anno scolastico 2019/2020.

Pubblicata il 21/06/2019

In attuazione a quanto stabilito dall’art. 36 della L.R. n. 18/2016, il Comune di Refrontolo nell’a.s. 2019-20 curerà la fornitura dei libri di testo degli alunni della scuola primaria residenti nel proprio territorio, attraverso il sistema della CEDOLA LIBRARIA, garantendo la libera scelta del fornitore da parte delle famiglie stesse.
Si precisa che:
  • i libri sono solo ed esclusivamente i testi adottati per l’A.S. 2019/2020, ai sensi degli artt. 151 e 152 del D.Lgs. 297/1994, dal collegio dei docenti della scuola frequentata, sentiti i consigli d'interclasse;
  • come stabilito dal Ministero dell’Istruzione (parere n. 817 del 10/02/14), se lo studente ha ottenuto una prima fornitura gratuita dei libri di testo, non può ottenere una seconda fornitura gratuita nel corso dello stesso anno scolastico (e quindi il relativo costo è a carico della sua famiglia).
Le famiglie potranno ordinare e ritirare i libri di testo per i propri figli residenti a Refrontolo che frequenteranno nell’A.S. 2019/2020 le scuole primarie osservando le seguenti modalità:
  • le famiglie degli alunni residenti e frequentanti le Scuole di Refrontolo o Pieve di Soligo dovranno compilare la cedola libraria, che verrà consegnata a ciascun alunno dall’Istituto Comprensivo “G. Toniolo” e dal Collegio Vescovile “Balbi Valier” in occasione della distribuzione delle schede di valutazione di fine anno scolastico (pagelle);
  • le famiglie degli alunni residenti e frequentanti scuole in altri Comuni dovranno compilare la cedola, che riceveranno direttamente a casa;
  • il genitore dovrà ordinare i suddetti libri presentando al fornitore prescelto la cedola compilata (eventualmente insieme alla lista dei libri, se non già indicati nella cedola stessa);
  • il genitore dovrà ritirare i libri di testo ordinati sottoscrivendo contestualmente la cedola per ricevuta.
Si ricorda che non è previsto alcun onere economico per le famiglie.

Facebook Google+ Twitter